La Cassoeula e i vini che si possono abbinare

SABARO 14 E DOMENICA 15 NOV – ASPORTO E DOMICILIO   

Le caratteristiche dominanti di questo elaborato piatto sono l’untuosità, la grassezza e la sapidità, che si accompagnano molto bene con vini di buona acidità, in grado di sostenere il confronto con i sapori decisi della pietanza.

Ecco alcuni consigli per non sbagliare e scegliere le migliori etichette da abbinare a un piatto complesso come la cassoeula. Proprio queste sue caratteristiche esigono un vino capace di attenuare l’untuosità del piatto ripulendo il palato e in grado di bilanciarne al tempo stesso l’eccessiva dolcezza.

In particolare le strade da seguire sono diverse.
La prima va verso la Barbera, sia ferma che frizzante, che con la sua decisa spalla acida svolgerà benissimo il suo compito;
La seconda ci porta al Lambrusco, compagno ideale di tutte le ricette di maiale.
la La terza alla Bonarda dell’Oltrepò Pavese ferma o frizzante. La Bonarda, a base di uve Croatina, è il vino per antonomasia della Lombardia: vino schietto, sincero e leale.

Infine, se voleste sperimentare e dare un tocco di classe e raffinatezza nell’abbinamento, allora potete anche scegliere uno spumante metodo classico dell’Oltrepò o della Franciacorta.

Lascia un commento